Acqua Micellare


acqua micellare

Facciamo chiarezza.

L’ acqua micellare è ormai immancabile nella skincare routine femminile ma in questi mesi, parlando con clienti e amiche ho scoperto essere uno di quei prodotti il cui uso non è ben chiaro e definito. Oggi dunque vediamo più nel dettaglio di che cosa si tratta e a che cosa serve.

Partiamo dal nome: si chiama acqua micellare perché si tratta di un detergente delicato per il viso a base acquosa e contenente delle micelle, ovvero delle micro-sfere di tensioattivi che entrando in contatto con la pelle attraggono le impurità. In altre parole sono particelle pulenti che inglobano e asportano sporco, grassi e impurità senza alterare il normale equilibrio idrolipidico dell’ epidermide.

La principale funzione dell’ acqua micellare è quella di struccare ma rispettando la naturale fisiologia della pelle, elimina anche tracce di smog, impurità e sebo in eccesso. Per questo anche se non ci si trucca è buona abitudine usarla ogni sera, al fine di eliminare tutte le impurità con cui è entrata in contatto la nostra pelle nel corso della giornata e per regolarne la produzione di sebo.

In un solo semplice gesto il viso risulta pulito, idratato e tonificato, senza bisogno di risciacquo e sostituendo così  la combo struccante + tonico. La pelle risulta subito purificata, morbida e fresca, pronta ad assorbire eventuali trattamenti successivi.

Grazie all’ assoluta mancanza di alcool, sapone o oli al suo interno è un ottimo prodotto per trattare anche le pelli più sensibili o per chi necessita di usarla più volte nel corso della giornata. Tuttavia in commercio sono ormai disponibili molteplici varianti che alla formula base vanno ad aggiungere diversi ingredienti più o meno adatti ad un certo tipo di pelle quindi è bene leggere l’etichetta di ciascun prodotto per capire quale fa al caso nostro.

C'è anche da dire che sebbene nelle premesse risulti un ottimo prodotto, non tutti la amano e continua a persistere il team acqua micellare contrapposto al team latte detergente & tonico. Del resto, come ogni prodotto cosmetico, non può accontentare tutti i gusti perché ogni tipo di pelle ha delle caratteristiche specifiche e richiede prodotti specifici quindi tenete presente che non c'è una regola assoluta secondo la quale l' acqua micellare è meglio del detergente o viceversa. Sono solo gusti e necessità ;-)

acqua micellare

 Ma arrivando al sodo, come si usa?

L’acqua micellare si usa come qualsiasi altro struccante: la si versa su un dischetto di cotone che si passa delicatamente su viso, occhi e bocca tamponando, fino a completa detersione. La sua efficacia non rende necessario strofinare ed irritare inutilmente la pelle. In caso di make-up waterproof è sufficiente lasciare agire qualche istante in più, sulla zona interessata, il dischetto imbevuto. Generalmente non lascia residui e non necessita risciacquo.

Curiosità

Il suo primo impiego risale agli anni ’80 quando fu formulata per velocizzare il cambio trucco delle modelle durante le sfilate di moda, senza andare ad appesantire la loro pelle. Per anni però è rimasto questo il suo principale campo di utilizzo per via dei prezzi decisamente troppo elevati. Solo in un secondo momento si è compreso il suo grosso potenziale, rapido, efficace e delicato e si è lavorato per offrire delle formulazioni più economiche e adatte all’ uso quotidiano.

Voi siete team acqua micellare o team latte detergente??


I prodotti A.Komorebi Nature consigliati:

Ultimo articolo:


Lascia un commento


Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima della pubblicazione